ISSN 2612-6818 - Padova University Press

Prove di uno sguardo educativo emergente: la persona anziana che vive sola e la pandemia

TitleProve di uno sguardo educativo emergente: la persona anziana che vive sola e la pandemia
Publication TypeJournal Article
Year of Publication2022
AuthorsCrotti, M.
Secondary TitleJournal of Health Care Education in Practice
Volume4
Issue1
Pagination51-59
Date Published05/2022
PublisherPadova University Press
Place PublishedPadova, IT
ISSN Number2612-6818
Keywordscommunity action, interventi di prossimità, isolamento sociale, pedagogia sociale, social isolation, social pedagogy, territorial welfare, vulnerabilità, vulnerability, welfare territoriale
Abstract

L’articolo analizzerà la fragilità relazionale dell’anziano che vive da solo. Si tratta di
un’area grigia di fragilità che non rientra nelle risposte ai bisogni di categorie medicalmente o
socialmente definite attraverso lo spartiacque dell’autosufficienza e che richiede un sistema di
osservazione individuale e la progettazione di interventi di prossimità leggeri, temporanei, personalizzati,
che si pongano in maniera complementare alla rete consolidata dei servizi di welfare. La pandemia
sanitaria ha agito da cartina al tornasole per mostrare l’esistenza di questa zona intermedia tra i soggetti
anziani autosufficienti che usufruiscono di servizi di sostegno alla socializzazione e quanti invece
necessitano di forme di assistenza per la non autosufficienza. L’emergere di nuovi bisogni relazionali e
esistenziali, acuiti dall’impatto della pandemia e del confinamento residenziale su questa fascia di
soggetti, vedrà la proposta pedagogica di interventi di accompagnamento sociale di prossimità.

The article will analyse the relational fragility of the elderly who live alone. It is a “grey
area” of fragility that does not fit into the needs of medically or socially defined categories through the
watershed of self-sufficiency and that requires an individual observation system and the design of
proximity interventions light, temporary, personalised, complementary to the consolidated network of
welfare services. The health pandemic has acted as a litmus test to show the existence of this intermediate
zone between elderly self-sufficient subjects who benefit from social support services and those who need
forms of assistance for not self-sufficiency. The emergence of new relational and existential needs,
exacerbated by the impact of the pandemic period and residential confinement on this group of subjects,
will see the pedagogical proposal of social accompaniment interventions of proximity.

URLhttps://jhce.padovauniversitypress.it/2022/1/7
DOI10.14658/pupj-jhcep-2022-1-7
Paper: